Blog

Analisi di alcuni parametri bioimpedenziometrici nei cestisti

  • di Giuseppe Ferruccio
  • 15 settembre 2018

La valutazione della composizione corporea è una parte essenziale per determinare lo stato di salute fisico e nutrizionale. L'obiettivo del presente studio è stato quello di verificare attraverso la bioimpedenziometria (BIA) come i parametri dell'angolo di fase (PA) e della body cell mass (BCM) cambiano all'interno di una stagione agonistica di una squadra di pallacanestro militante nel campionato di Serie B. Il secondo obiettivo è stato quello di verificare se questi due parametri influiscono sulla performance in partita. Sono stati valutati 9 giocatori e le misure sono state effettuate in tre diversi periodi della stagione. Il Test-T ha mostrato un differenza statisticamente significativa per il PA, in tutti i confronti eseguiti (p < 0,005). La BCM se confrontata nel breve periodo non mostra differenze significative, ma se si analizza l'intera stagione il cambiamento è evidente e la squadra è cambiata rispetto all'inizio del campionato. Attraverso il coefficiente di Pearson sono state riscontrate correlazioni positive tra PA/IE, BCM/IE e PA/BCM.

continua a leggere


Gli infortuni nella pallacanestro. Analisi, prevenzione e re-allenamento

  • di Giuseppe Ferruccio
  • 15 settembre 2018

Come tutte le discipline sportive anche la pallacanestro ha subito importanti cambiamenti. La ricerca analizza gli infortuni avvenuti in sei squadre di pallacanestro. L'analisi evidenzia come il basket metta a dura prova il fisico dell'atleta. Dai dati raccolti si evince che l'articolazione tibio-tarsica sia la più colpita da infortuni. Un gradino sotto troviamo quella del ginocchio. Attraverso un accurato lavoro di ricerca grazie alla collaborazione di sei preparatori atletici di diverse squadre, sono stati studiati gli infortuni più ricorrenti e sono stati proposti dei lavori di re- allennamento post infortunio. I dati raccolti, in tabelle e grafici, chiariscono i distretti articolari e corporei maggiormente colpiti.

continua a leggere


Lo stretching: alcune importanti considerazioni

  • di Matteo Ferrari
  • 15 settembre 2018

Il termine "stretching" proviene dall'inglese to stretch, che significa allungamento, stiramento, e rappresenta la metodica di allenamento che viene utilizzata per migliorare la flessibilità muscolare attraverso l'esecuzione di esercizi, semplici o complessi, di stiramento. Lo stretching è arrivato in Europa e in Italia attraverso la ginnastica aerobica giunte come sempre da oltreoceano.

Nell'ambito della preparazione fisica, la comparsa degli esercizi di stretching ha rappresentato un passo in avanti in quanto gli atleti hanno imparato a prestare più attenzione alle differenti sollecitazioni dei diversi gruppi muscolari e alla loro mobilità articolare. Per tanti anni la pratica dello stretching è stata consigliata e se n'è fatto un abuso e un uso indiscriminato, poiché si riteneva che portasse solo benefici. Ma in realtà, come tutti i mezzi di allenamento, ha diverse sfaccettature e non può essere usato in qualsiasi momento: bisogna tener conto ad esempio dell'obiettivo che si vuole raggiungere, del momento in cui viene proposto, del background motorio dell'atleta e dello sport specifico.

continua a leggere


Il concetto di "core"

  • di Matteo Ferrari
  • 15 settembre 2018

Il termine "core" è stato al centro dell'attenzione di molti allenatori e preparatori nonché riviste scientifiche e da parecchi anni, ha assunto significati differenti in base all'interpretazione degli autori e al contesto di riferimento ma tuttavia una precisa definizione del concetto non è ancora chiara.

continua a leggere

Via P. Togliatti 27
21047 - Saronno [VA]